Bando “Nuova Impresa” – Bando “Nuova Impresa” – Dopo l’aumento della dotazione finanziaria arriva l’ampliamento platea beneficiari ed estensione termini per la presentazione delle domande

La Giunta regionale, su proposta dell’Assessore Guido Guidesi, ha approvato l’incremento della dotazione finanziaria del bando “Nuova Impresa” per un importo pari a 7.7 milioni di euro.  Salgono quindi a 11,7 milioni di euro le risorse disponibili per la misura che si è aperta il 1° dicembre alle ore 14.30 e che prevede contributi a fondo perduto fino al

Nella seduta del 15 dicembre 2021, inoltre, la Giunta regionale, , ha approvato l’ampliamento della platea dei beneficiari della misura e l’estensione al 31 marzo 2022 dei termini per la presentazione delle domande di contributo.

In particolare, potranno presentare domanda anche:

– le imprese costituite in forma cooperativa;

– le imprese con codice ateco primario F “Costruzioni” compresi tutti i sottodigit;

– gli intermediari del commercio con codici  Ateco G 46.1 “Intermediari del commercio” compresi tutti i sottodigit.

Il bando aggiornato sarà pubblicato nei prossimi giorni da Unioncamere Lombardia.

 

La misura, in sintesi, prevede:

Beneficiari MPMI del commercio – inclusi i pubblici esercizi terziario, manifatturiero e artigianato che aprono una nuova attività in Lombardia dal 26 luglio 2021.

Con il Bando Attuativo saranno individuati i Codici ATECO delle imprese beneficiarie.

Contributo Contributo a fondo perduto fino al 50% delle spese ammissibili, massimo 10.000 euro, a fronte di un investimento minimo di 5.000 euro.
Spese ammissibili a)onorari notarili e costi relativi alla costituzione d’impresa;

b) onorari per prestazioni e consulenze relative all’avvio d’impresa, nei seguenti ambiti: marketing e comunicazione; logistica; produzione; personale, organizzazione, sistemi informativi e gestione di impresa; contrattualistica; contabilità e fiscalità;

c) acquisto di beni strumentali/macchinari/attrezzature/arredi nuovi, anche finalizzati alla sicurezza, incluse le spese per il montaggio/trasporto/manodopera e le relative opere murarie strettamente collegate;

d) acquisto di software gestionale, professionale e altre applicazioni aziendali, licenze d’uso e servizi software di tipo cloud e saas e simili, brevetti e licenze d’uso sulla proprietà intellettuale, nella misura massima del 50% della spesa totale di progetto;

e) acquisto di hardware;
f) registrazione e sviluppo di marchi e brevetti e per le certificazioni di qualità e relative spese per consulenze specialistiche;
g) canoni di locazione della sede legale e operativa della nuova impresa;
h) sviluppo di un piano di comunicazione (progettazione del logo aziendale, progettazione e realizzazione sito internet, registrazione del dominio, progettazione piano di lancio dell’attività) e strumenti di comunicazione e promozione (es. messaggi pubblicitari su radio, TV, cartellonistica, social network, banner su siti di terzi, Google Ads, spese per materiali pubblicitari, etc);
i) spese generali riconosciute in maniera forfettaria nella misura massima del 7% delle spese di cui ai precedenti punti (da a a h).

Tempistiche L’apertura dello sportello per la presentazione delle domande è prevista a dicembre 2021.
Procedura assegnazione risorse L’assegnazione del contributo avverrà con procedura “a sportello” a rendicontazione secondo l’ordine cronologico di invio telematico della richiesta e fino ad esaurimento delle risorse.

Per informazioni e approfondimenti rimaniamo a disposizione: 0382 372511 oppure info@ascompavia.it